Google+ Badge

mercoledì 26 marzo 2014

In diretta dall'ospedale...

Ed eccomi ancora qui, come ogni 15 giorni mi ritrovo nello stesso posto, nella stessa stanzetta circondata da "colleghi di patologia"...
Guardo la flebo, sento il farmaco che entra nelle vene, e allora inizio a pensare che il farmaco è veleno, ma solo per il tumore, perché per il resto del mio corpo è elisir di lunga vita... Deve essere così!

Seduta sulla mia poltrona mi guardo intorno e ciò che vedo sono sguardi impauriti che cercano conforto, sguardi arrabbiati di chi vorrebbe non essere lì, sguardi pieni di sofferenza, sguardi di chi cerca di isolarsi ed estraniarsi immaginando di trovarsi chissà dove, e poi ci sono gli sguardi peggiori di tutti... Quelli della rassegnazione...



Quelli sono gli sguardi che spesso non riesco a gestire perché in contrapposizione con le mie idee e con la mia voglia di vivere... Ovviamente dietro ogni sguardo c'è una persona con una storia personale e di malattia differente e non sono qui per giudicare nessuno.... Ma quando incontro quello sguardo di rassegnazione sto male! Quando lo incrocio cerco di infondere speranza e coraggio, ma spesso quando c'è quello sguardo l'unica cosa che riesco ad ottenere è un timido e magari forzato sorriso...

Continuo a guardarmi intorno, osservo le persone, chiacchieriamo di salute e malattia, di strategie psicologiche e metodi di cura alternativi, di paura e amore...
Scherziamo con gli infermieri e gli altri operatori, che hanno un'umanità e una empatia straordinaria, fuori dal comune (ho già scritto che li adoro tutti?)

Sono in compagnia di tante persone sconosciute ma con le quali ho molto da condividere.... Dolori, sofferenze, malattie, speranze, voglia di vivere e viaggi di vita!

Spesso le persone con le quali mi confronto e passo il tempo cambiano, a volte è un bene perché vuol dire che hanno finito le terapie e stanno meglio, altre volte è un male....

Ogni volta è sempre un'esperienza diversa, con diverse paure, diverse reazioni, diverse persone...
Tutto è sempre diverso seppur all'interno di una staticità particolare.
Perché se è pur vero che alcune cose sono statiche ed immodificabili, allo stesso tempo molte cose mutano, si evolvono o regrediscono…

È strano, pensiamo sempre ad aumentare, incrementare, evolvere; l'avere e l'essere di più per molte persone è l'essenza della vita, il motore che tutto muove...
Mentre se ci soffermiamo a pensare, per molte altre la vera forza motrice, la forza di vita, sta proprio nella riduzione, nella regressione e perché no, nella scomparsa!

Oggi riflettevo sulla prospettiva da cui guardiamo le cose, sulla ripetitività, sulla sicurezza del conosciuto e della paura del non conosciuto...

E come direbbe la mia Nonnina :<<Megghiu u tintu canusciutu ca u bonu a canusciri>>

Alcune persone non riescono proprio a mettersi nei panni dell'altro, non riescono ad essere empatici, e nemmeno ci provano, anzi riescono a vedere le cose soltanto dalla loro prospettiva!!!

Una sciocchezza per una persona sana può essere un dramma per una persona che non sta bene.
Per esempio, quando in un ospedale cambiano i prodotti che usano (come ad esempio degli aghi
particolari per il port oppure i contenitori porta chemio, ecc…) chi li ordina non pensa che ciò può procurare un problema al malato, ansia e fastidi, si pensa solo al risparmio o ad altro! Sembra assurdo, ma 5 millimetri e una forma diversa, che qualcuno magari neanche nota, per altri può essere
una differenza significativa, un motivo di ansia, paura e disagio...

Qualcuno leggendo il mio blog può pensare che non c' è motivo di condividere certi pensieri, certe giornate ecc...
Questo pensiero mi fa ritornare al discorso di prima, e cioè che spesso le persone non riescono a mettersi nei panni dell'altro e l'uso comune dei social network, che spesso serve solo per metterci in mostra, per pubblicare foto, per scrivere cavolate, ecc.. per alcuni, in particolari periodi di vita, diventa un momento di svago, una condivisione che ti fa sentire meno solo, una condivisione che può infondere forza e speranza a chi legge.

Non buttatevi mai giù, le cose possono migliorare, ma bisogna sempre avere coraggio, forza e fede e soprattutto fiducia nelle proprie capacità e nella forza che si nasconde dentro ognuno di noi!

Ps: se sei fai parte della categoria "persone infastidite dal mio blog" per favore, non seguirmi più :)

I love life <3

132 commenti:

  1. Sei fantastica e sei una forza della natura.
    E una come te non può che vincere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao mi chiamo Deborah,piacere di conoscerti,so che sicuramente te lo sarai sentita dire centinaia di volte,ma il tuo coraggio e la tua forza mi hanno davvero colpita,cosi'come la semplicita' e l'immediatezza con cui riesci a trasmettere la tua visione della vita attraverso questi post:Possa Dio benedire te e le persone che ami....siamo tutti con te,con affetto e stima infinita,Deb

      Elimina
    2. Lezioni di vita!! Buona fortuna per tutti i traguardi della tua vita.

      Elimina
  2. Ciao mi chiamo Piero io ho avuto due tumori e ho capito che la forza la dobbiamo prendere dentro di noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Piero, hai perfettamente ragione a dire che la forza dobbiamo prenderla da dentro ma non ci dimentichiamo del supporto che ci viene dall'esterno... attraverso tutte le sue forme... Grazie per la tua testimonianza...

      Elimina
  3. Anche per me la rassegnazione che vedo intorno a me e ciò che gestisco peggio... Continua ad infondere forza e gioia e travolgi con la tua vita tutti coloro che incontri! La vita che è dentro di te si alimenta della vita stessa! Unite nella preghiera e nell'affetto. TVTB.

    RispondiElimina
  4. Puoi essere di aiuto anche per chi vuole aiutare il prossimo...Forza <3

    RispondiElimina
  5. Brava sei di esempio a tanta gente che si lamenta per delle stupidaggini. È vero quando ti arrivano queste batoste se le prendi per il giusto verso per prima cosa è documentata la vittoria ed in secondo luogosi cresce e si apprezza la vita in ogni sfaccettaturabrava continua così ce la farai

    RispondiElimina
  6. Mamma mia che forza che sei. E io che ogni tanto cado in depressione per stronzate. Ho appena scoperto il tuo blog, ma adesso lo seguirò con piacere, spero di leggere buone notizie, come quella di un mio carissimo collega che ha appena finito 3 cicli di chemio ed è tornato in ufficio. Siamo rimasti tutti allibiti, sta molto molto meglio di quando le aveva iniziate!

    RispondiElimina
  7. grande Eleonora! (+_-)

    RispondiElimina
  8. Sei grande,continua così ti auguro di gra cuore una lunga vita.Sei un bellissimo es.di chi ti legge. :)

    RispondiElimina
  9. Wow... Non conoscevo l'esistenza di questo blog fino a pochi minuti fa. Penso però che se qualcosa o qualcuno me l'ha fatto scoprire un motivo importante c'è. Conosco bene questa malattia, molti miei cari purtroppo ci sono passati. Complimenti! Blog fantastico, parole meravigliose. Alcuni post, in particolare quello della farfalla, mi hanno fatto venire il magone. Hai una forza straordinaria, sei un esempio per tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che nulla accada per caso... grazie a te :)

      Elimina
  10. Sabrina Butera26 marzo 2014 16:02

    Con questo post hai per la prima volta portato alla luce tutto ciò che un malato oncologico sperimenta sotto infusione. Continua in questo modo. Questa si che sarà la tua VERA terapia. Sempre con te <3

    RispondiElimina
  11. sei GRANDE......a dire la verità io nn so come mi comporterei se mi capitasse a mè...comunque grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro di cuore di non doverlo mai sperimentare... grazie per le tue parole :)

      Elimina
  12. Mia cugina di soli 36 anni , ha scoperto circa 3 anni fa, di avere delle metastasi per tutto il corpo e in particolare vicino al fegato. Ha eseguito lo stesso percorso con chemio e radio. Mia cugina aveva un sorriso stampato sul viso, sempre, con tutti, e con una voglia di vivere che ha continuato anche durante questo periodo a viaggiare per il mondo. La RABBIA e che 13 anni prima gli anno esaminato un neo sulla gamba dicendo che era benigno. E invece è partito tutto da lì , scoprendolo solo dopo 10 anni. La RABBIA è che nei primi due anni le metastasi erano dappertutto tranne che in testa. Poi successivamente negli ultimi 5 mesi sono comparse proprio lì. LA RABBIA è che nelll'ultima TAC non c'erano piu metastasi per il corpo!!
    C'e l'aveva quasi fatta!! Con questo voglio dirti di non perdere mai la speranza perchè il tuo sorriso ti porterà alla vittoria!! Goditi la vita perchè sappiamo quando inizia , ma non quando finisce !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, mi dispiace per tua cugina :( Io è da un pò di anni ke sn costretta ad andare dietro i nei. fino ad ora ne ho tolti 3 in tempo, si stavano trasformando, erano su una brutta strada, così adesso sn un soggetto a "riskio" più degli altri, controlli ogni 6 mesi ecc..

      Elimina
    2. grazie per le vostre testimonianze... un caloroso abbraccio

      Elimina
    3. Ciao Eleonora.
      Ho conosciuto il tuo blog solo dopo averti vista in TV. Anche io alcune settimane fa, per puro caso ho scoperto di avere un tumore. Per me e la mia famiglia è stato un brutto colpo, ma ci siamo affidati a Dio e ogni giorno continuiamo a tenere duro. La prossima settimana dovrebbero operarmi. Non so cosa mi aspetterà dopo, ma anche se dovessi fare chemio, voglio continuare a vivere come ho sempre fatto. Lo devo alla mia famiglia. ...ai miei figli....ma soprattutto a me stessa.
      È proprio vero. ...quando succede ad altri ci si rimane male, o magari come hai detto tu ci si allontana, ma semplicemente perché non si vuole essere troppo invadenti. Da quando so del mio tumore vedo la vita in un modo diverso...capisco meglio alcune cose. Non so come spiegarmi, ma tu mi capirai bene.
      Ammiro il tuo modo di fare, il tuo combattere tutti i giorni e ammiro te come persona.
      Una volta un caro amico mi ha detto: "non pregare Dio perché ti guarisca, pregalo affinché lui possa darti la forza di convivere con la tua malattia!" Ed è questo che faccio tutti i giorni.
      Ti auguro di mantenere sempre il tuo spirito positivo e non preoccuparti che prima o poi questa prova da superare finirà. Ti mando un grosso abbraccio.

      Elimina
  13. non riesco a capire a chi può dare fastidio leggere i tuoi bellissimi pensieri, deliziarsi del tuo magnifico sorriso ed ammirare il tuo animo nobile messo a nudo da una situazione negativa ma che tu, sono sicura, stravolgerai in maniera positivissima! Scrivi ancora, cara amica, ti prego! Spero di poterti conoscere presto (a Geraci con Maria Pia), abbracciarti forte forte e farci insieme quattro belle risate! Ciao Mimma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mimma, hai sempre parole molto affettuose per me.. verrò presto a trovarvi, un abbaccio

      Elimina
  14. Ele io ti seguo sempre con immensa ammirazione e oggi ti ho portata con me in aula...si,hai capito bene...ho parlato ai miei alunni e facendo loro una bella ramanzina per svariati motivi,li ho portati a riflettere circa l'inutilità delle cose che in questo momento x loro sono vitali (roba tipo i-pad e cellulari new generation che li ha a dir poco rimbecilliti!). Lo so,hanno solo 9 anni ma possono e DEVONO capire che il 'benessere' non è la vita e non è motivo valido x emarginare chi non ha un tel o una scarpa ultimo grido!!! Non so se sono riiscita a farti capire il nesso tra ciò che scrivi e il motivo x cui ti ho citata ma spero di poterti vedere presto e spiegarti meglio. Comunque,sei grande e...vincerai!! Ely (compagna Finocchiaro ;-) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely, grazie infinitamente... io credo che certi insegnamenti e valori si apprendono sin da bambini attraverso la famiglia e le socializzazioni...
      Se oggi sono ciò che sono lo devo anche agli insegnamenti della mia famiglia e dei miei insegnanti scolastici..
      Gli insegnanti hanno un ruolo fondamentale nella crescita e nello sviluppo ed è un peccato che la nostra società non valorizzi questa figura molto importante. <3

      Elimina
    2. Sai la prima cosa che mi hanno chiesto qual è stata? E adesso la tua amica come sta? E' guarita vero? Dovevi vedere con che sensibilità...e dire che ho giusto fatto un accenno senza ovviamente dettagli. Io credo che abbiano appreso grandi cose oggi...cose che non troveranno mai su alcun libro ma che terranno a vita nelle pagine del loro cuore. Questo è ció che mi auguro. Grazie ancora Ele!

      Elimina
  15. Ciao Eleonora, condivido tutto quello ke hai scritto, proprio vero. La mia mamma sta lottando ed io l'accompagno, conosco quegli sguardi, quelle situazioni, anke se da un'altra prospettiva. Grande Eleonora! io sn della prov di PAlermo. Cristina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, grazie per le tue parole... un bacione per te e per la tua mamma...

      Elimina
  16. Continua a combattere.. La tua grande fede ti salverà.

    RispondiElimina
  17. Ciao Eleonora..nn c conosciamo ma leggendo le tue parole m sn resa conto di quanto tu sia una persona stupenda..posso solo immaginare ciò ke provi perkè non essendoci dentro nessuno può veramente capire. .quello ke so per certo e ke tante volte s ci attacca a tutto ciò ke e materiale. .si perdono di vista tutto ciò ke è importante..tante volte nn pensiamo neanke quanto sia importante un abbraccio..t ammiro..ammiro la tua grinta. .purtroppo io due anni fa ho perso mio cognato con la stessa bastarda malattia..e anke se mi manca terribilmente..ringrazio Dio per averlo fatto entrare nella mia vita..anke se per poco..ma grazie a Lui ho capito ciò ke realmente è importate..grazie per questo blog..perkè puoi dare tanto anke a ki nn pensa di poter ricevere nulla..ma nn è così.
    Spero ke tutto finisca sempre e ke Dio t dia la forza di nn perdere mai il tuo splendido sorriso..sei nelle mie preghiera..un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosalia... grazie per le tue parole... mi hai commosso <3

      Elimina
    2. Grazie a te per quello ke c stai donando..grazie per la tua forza..grazie per la forza a cui dai a tutti quelli ke si trovano nella tua stessa situazione e trova la forza di lottare..grazie veramente di cuore.

      Elimina
  18. Ciao Eleonora, sono siciliana come te e ammiro la tua splendida forza, continua così :) Matilde

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi siciliani abbiamo due armi in più che ci regalano tanta energia.. il sole ed il mare :) grazie

      Elimina
    2. Esatto :) E ne abbiamo anche una terza: il fuoco dell'Etna, che è una potenza :D
      Continua a scrivere! Un abbraccio :)

      Elimina
  19. Ciao non ci conosciamo! ho scoperto per caso il tuo blog. forza guerriere combatti <3 <3 <3

    RispondiElimina
  20. Ciao Eleonora,
    ti scrivo per dirti, che ti sono vicina con il cuore. Le tue, sono parole dell'anima, trascritte meravigliosamente nero su bianco.
    FORZA E CORAGGIO!!! La vita, a volte ci mette a dura prova...Non mollare mai! Inebriati di entusiasmo...sopratutto in quelle sere nere. Ti auguro ogni bene.
    UN AFFETTUOSO ABBRACCIO!!! Marinella

    RispondiElimina
  21. oggi tante cose sono successe..... le tue splendide parole e la tua semplicità riescono a colpire chiunque! Il tuo racconto di un momento cosi difficile come quello della chemio assume una leggerezza che sembra impossibile da immaginare ....!! Anche noi che ti conosciamo bene restiamo basiti a leggere con quale naturalezza affronti questo durissimo percorso, ma nello stesso tempo siamo orgogliosi di quello che sei riuscita a fare...!!! E oggi anche quella persona che ti ama tanto è riuscita, con grandissimo sacrificio (e tu immagini bene il perchè!!!!), a leggere il tuo bellissimo blog e a scoprire quanto sei speciale!!! Ma tanto lo sapeva già!!!!! With love Doni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie sempre per il vostro amore e per il vostro sostegno... La famiglia è la mia forza.. e quindi voi.. <3

      Elimina
  22. Ciao Eleonora, non so se ti ricordi di me, sono Laura e andavamo al liceo insieme. Sono venuta a conoscenza del tuo blog per caso, tramite il sito Palermo Today e sono rimasta molto turbata dalla notizia del tuo tumore, mi dispiace tanto, però mi fa veramente piacere sapere che hai trovato la forza di reagire, con tanta positività!
    Ti mando un abbraccio e ti auguro ogni bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, certo che mi ricordo.. grazie per le tue parole.. :*

      Elimina
  23. Se vedessi il mio sguardo adesso leggeresti commozione ma soprattutto ammirazione e affetto... è verissimo, la maggior parte delle volte "facciamo bile" per delle cose o situazioni che a razionalizzare non lo meritano. Invece la tua forza ma soprattutto la positività in un contesto DAVVERO così importante e reale devono esserci da esempio. TVB zia Enza

    RispondiElimina
  24. Ciao eleonora sono arrivata x caso in questo blog e ho letto la tua storia..Anche io come te ne ho passate tante e x giunta nel 2011 ,un anno x me bruttissimo ,ho subito 2 operazioni,più 6 mesi di chemio xche mi hanno trovato una ciste maligna alle ovaie e successivamente anche metastasi al rene...Non ti dico quello che ho provato da quello che hai scritto tu mi è sembrato di rivivere la mia vita,quella prima volta in ospedale a fare la chemio,spaventata guardavo gli altri anche loro spenti tristi ma c era anche chi rideva chiacchierava come se nulla fosse.la prima flebo ,veleno x il mio corpo ma sapevo che poteva aiutarmi da quel primo giorno ho affrontato tutto diversamente sempre con ottimismo e con il sorriso sulle labbra ormai ero rassegnata dovevo andarci ogni settimana mi mettevo tranquilla tanto non c era nessuno che poteva prendere il mio posto e tutto è finito dopo 6 lunghi mesi di stare male di pausa ma ti ripeto non facevo capire mai niente nessuno quello che provavo lo tenevo dentro di me ho lottato con tutte le mie forze anche se dopo un po ti stanchi di tutto.cmq volevo dirti che sei una ragazza straordinaria ed è vero dopo queste cose apprezzi di più la vita anche le cose più banali diventano importanti e cerchi sempre di dare forza alla gente che soffre.sii sempre ottimista Dio è con te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Amika per aver voluto condividere la tua esperienza così dolorosa e significativa... immagino quanto ti sia ritrovata in alcune mie descrizioni... grazie per le tue parole. un abbraccio :*

      Elimina
  25. Ciao Eleonora, anch'io come te sto combattendo contro quello che io chiamo l'uom
    o nero, ho appena condiviso su fb il tuo blog scrivendo che vorrei avere metà della tua forza, coraggio e determinazione.
    Leggendo i tuoi post me ne hai tramessa tanta di forza, grazie!
    Ti abbraccio e se ti va qui ho raccontato di me.
    www.diariodiunapassione.it
    I love life too <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Ady... l'uomo nero lo sconfiggeremo, e se stai combattendo ed hai anche avuto il coraggio di condividere le tue emozioni e la tua storia sono sicura che anche tu possiedi molta forza, coraggio e determinazione.. scava bene dentro te stesso.. sono sicura che li troverai ciò di cui hai bisogno. un caloroso abbraccio <3

      Elimina
    2. Grazie per la tua risposta, Ady sta per Adelaide, ti sono molto vicina :)

      Elimina
  26. FORZA ELEONORAAAA DISTRUGGILO QUESTO STRO.......OOOOOOOOO

    RispondiElimina
  27. ELE, SEI SEMPRE GRANDEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!! TVBTTTTTTTTTTTTTTTTTT

    RispondiElimina
  28. Il tuo esempio è poesia per chi, come me, cerca di trovare ciò che c'è di buono in questo mondo, e di cantarlo pure... Tanta forza e coraggio per te, sperando che le mie pagine, di vita che scorre a rivoli, ti donino sempre nuova linfa. Io sono sicuro che realizzerai i tuoi progetti. C'è energia positiva qui. Ti abbraccio, come potrebbe abbracciarti chi ha condiviso il tuo stesso tipo di esperienza, e sa per certo che puoi farcela.

    RispondiElimina
  29. Ciao Eleonora, sono Anna. Ho 32 anni e a 27 anni mi hanno diagnosticato un melanoma. Un anno dopo, ho fatto metastasi ai linfonodi. Aspettavo un bambino, la mia prima gravidanza. Ho dovuto interrompere la gravidanza ed affrontare il calvario. Questa esperienza mi ha cambiata profondamente. La domanda che inizialmente mi sono fatta è: "perché proprio a me?". La risposta a questa domanda l'ho trovata poco dopo e mi ha salvato: "Perché non a me?". La consapevolezza di essere effimera mi ha cambiato la vita ed oggi, rischiando di sembrare ipocrita (ma giuro di dire la verità), posso affermare che grazie al cancro sono una donna migliore. Una donna forte; una donna che ha accettato le sue cicatrici, il suo corpo ormai deformato, la sua invalidità. Una donna che, nonostante tutto, si piace ancora di più con tutti i difetti fisici. Io non mi ritengo una sopravvissuta al cancro perché le esperienze con le "colleghe di flebo" mi hanno fatto riflettere molto sulla cronicità di questa malattia. Abbiamo una spada di Damocle sulla testa. La cosa che mi dà estremamente forza, però, è che se si dovesse ripresentare il cancro saprei come reagire. La mia voglia di vivere mi aiuterà a guardare il bicchiere mezzo pieno. Oggi sono mamma e sto cercando di trasmettere a mia figlia tutti i valori necessari a vivere serenamente, valori che, haimè, ho potuto comprendere, nella loro pienezza, solo quando ho capito di avere poco tempo per continuare a vivere. A mia figlia voglio far capire che avere un'esperienza di malattia non è l'unico modo per assaporare i piaceri della vita, per godere delle piccole cose, per vivere bene. A mia figlia voglio insegnare ad amare la vita!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, la tua storia è molto forte, grazie per la condivisione. Condivido in pieno ogni tuo pensiero, ogni tua paura e la tua forte voglia di vivere... insegnare ad amare la vita sempre e comunque è uno dei regali e degli insegnamenti più importanti che puoi trasmettere a tua figlia. Un caloroso abbraccio. <3

      Elimina
  30. Ciao Ele mi chiamo Guglielmo e un giorno della mia vita di qualche anno fa ho incontrato una persona straordinaria. Una ragazza solare e piena di vita. Sai una di quelle persone che ridono sempre, anche quando non tutto va per il verso giusto.
    Ci occupavamo ogni pomeriggio, durante il servizio civile, di bambini iperattivi. Io con i miei tempi da bradipo riuscivo a malapena a stare dietro ai ragazzi e a studiare qualche paginetta al giorno. Lei, sempre con quel sorriso stampato sulle labbra, arrivava fresca e puntuale con la sua “brillantissima” 500 bianca. Ogni mattina andava a lezione, qualche tirocinio e spesso esami. Poi tornava a casa a pranzo e cena per condividere la sua energia con i suoi adorati nonni. Immaginavo che almeno la sera si riposasse. Assolutamente no! Dovevamo uscire! Aperitivo poi in giro a ridere.
    Per la verità non mi colpiva per la sua capacità di fare tanto e bene, senza dubbio fuori dai canoni comuni, ma la sua voglia di sorridere. Tutti gli episodi della sua vita, belli e brutti che fossero, venivano raccontati in modo buffo e positivo. Una capacità unica di sdrammatizzare.
    Quando qualche mese fa mi ha comunicato della sua nuova grande sfida a me si è raggelato il sangue, ma lei per l’ennesima volta è riuscita a fregarmi . Me l’ha raccontata sorridendo con quella sua vitalità contagiosa. Una donna con la capacità straordinaria di sorprendere.
    Qualche giorno fa mi è caduto l’occhio casualmente su questo blog. Non ti saprei descrivere la mia prima sensazione. Un misto di rabbia e dolore, pensavo fosse tutto passato. Subito dopo però è arrivata un’altra considerazione violenta e lampante. Completamente immersi nella precarietà di ogni giorno perdiamo sistematicamente il senso della vita. Mi sono sentito una “merda” cara Ele. Alla fine però tra tante sensazioni negative ne è prevalsa un’altra: l’orgoglio. La soddisfazione di aver conosciuto e frequentato una persona stupenda, che riesce sempre a sbalordirti in positivo.
    Come fai a rendere tutto sempre così semplice?
    Leggendo questi tuoi racconti mi è tornato in mente un libro che avevo iniziato ma che poi, sempre preso da “altro”, avevo lasciato indietro e che ho immediatamente riposizionato sul mio comodino. “Un altro giro di giostra” di Tiziano Terzani. Il tema è simile, la capacità di trasmettere le proprie emozioni anche. Capisci con quale facilità fai le cose? Ti ho appena paragonata a uno dei più grandi giornalisti italiani di sempre.
    Cara Ele, che dire di più? Sono felice che le nostre strade per un po’ si siano incrociate e sono certo che un giorno si rincontreranno. Con questo blog sei riuscita ancora una volta a guadagnarti la mia stima infinita e come ti ho detto già una volta tu la tua battaglia la vincerai, anzi l’hai già vinta vivendo e insegnando dolcemente la Vita!
    PS: Vedo che sei già diventata una star. I tuoi grandi occhi sono dovunque. 
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Guglielmo...se potessi guardare i miei occhi in questo momento ti accorgeresti che sono lucidi, molto lucidi...
      Il tuo commento è carico di me, della mia vita, di ciò che sono, ed anche se non ci vediamo da anni mi fai capire che il mio ricordo e le nostre giornate con i bimbi, i nostri aperitivi, le mattine al bar a leggere giornali ecc sono ancora vivide nella tua memoria.
      Sei una persona speciale e splendida... Spero di rivederti presto.
      Un calorosissimo abbraccio <3 <3 <3

      Elimina
  31. A soruuu!!
    Splendida. Così li stendi tutti.
    Un Bacione da tuo fratello acquisito.

    RispondiElimina
  32. Spero con tutto il cuore che la tua chemioterapia ci restituisca una Eleonora guarita, una Eleonora che ha sconfitto il male. Una persona cosi piena della voglia di vivere come sei tu, merita di vincere sconfiggendo la sua malattia, quella malattia di cui oggi tutti siamo possibili vittime. Coraggio ne hai da vendere, resisti e lotta, perché hai un carattere forte ed il fatto che parli della tua malattia come un bicchiere d'acqua da bere, è la dimostrazione che vuoi vincere e ce la farai. A presto Eleonora !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luigi... spero che ciò che hai scritto si possa avverare al più presto. :)

      Elimina
    2. Eleonora, hai scelto di non fare l'equilibrista perchè rimanere in equilibrio non paga ! Hai scelto di lanciarti coraggiosamente affrontando i rischi ma sapendo anche che questa scelta potrà essere premiata. Io lo spero e non posso fare a meno di pensare ciò che stai vivendo. Il tuo coraggio annichilisce le persone che come me a volte perdono tempo a fare delle scelte, rinunciando talvolta al meglio. Questo tuo coraggio e l'orgoglio che metti in questo atteggiamento di sfida alla malattia ti rende forte ed unica. Questa tua scelta, sento che sarà premiata e vorrà dire che racconterai a tutti coloro che ti vogliono bene, ti stimano e ti stanno vicino la storia di una ragazza che ha voluto sconfiggere la malattia mettendosi in gioco, raccontandosi in ogni momento della sofferenza. Il tuo coraggio è e sarà il conforto per tanti altri malati che nel vivere il tuo stesso dramma ti chiederanno come hai fatto a vincere, perchè la tua vittoria possa essere la vittoria di tutti ! A risentirci presto .
      Ciao
      Luigi Scasso (gigiscasso@gmail.com)

      Elimina
    3. Caro Luigi, Grazie per le tue parole.... Il mio obbiettivo non è far annichilire le persone, ma spronarle a riflettere sulla vita, sulle piccole cose e su quanto tempo dedichiamo a cose veramente inutili... Ovviamente ho anche altri obiettivi e messaggi da mandare... Il primo al tumore... Un mio amico un giorno mi ha detto che io ero il "tumore per il mio tumore" , è una frase forte, ma mi rappresenta....
      Un affettuoso abbraccio

      Elimina
    4. Eleonora, penso che stai insegnando molte cose a ciascuno di noi. Sei grande e forte allo stesso tempo e riuscirai con questa forza a sconfiggerlo questo tumore ! Hai ragione, tu sei il tumore del tuo tumore ! e questa grande voglia che hai di vivere , riuscirà a sconfiggerlo ne sono certo. Spero che questa Settimana Santa di Pasqua sia l'artefice della fede infinita e ti aiuti a compiere questa lotta contro il male che ti afflige. Il buon Dio e Gesù sacrificatosi per l'umanità, ti aiuteranno grazie, alla grandissima fede che hai.! Prego il buon Dio e Gesù che ti aiutino a superare questa fase della tua vita, ridonandotela ! Un giorno, quando quest'incubo finirà, spero che inviti tutti i tuoi amici a casa tua per festeggiare, perché anche io vorrò esserci, per potere stringere la mano ad una persona meravigliosa che ha data una lezione, quella che si merita il suo tumore e che, nel contempo, ha insegnato molte cose, cose che fanno crescere ! Cose che, soltanto una persona come te, così carica di entusiasmo per la vita può solo fare !
      Ciao ed a presto.
      Luigi Scasso

      Elimina
  33. Cara Eleonora, sei un vero positivo esempio di gioia alla vita e di speranza per combattere. Io proprio in questo momento sto direttamente scontrandomi con questa dura realtà. A mia sorella pare che si stia per diagnosticare una neoplasia al cavo orale. Porterò a lei da esempio la tua esperienza. Lei in questo istante sembra combattiva e positiva ..spero che anche lei vincerà questo mostro. Un abbraccio ed auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ettore, posso immaginare come ti senti e soprattutto come sia spaventata tua sorella... spero che tutto si possa risolvere senza troppi stravolgimenti fisici e senza troppo alterare la qualità della sua vita. un bacio per te ed un caloroso abbraccio per lei. <3

      Elimina
  34. Eli davvero davvero tanta ammirazione! Un amica che sa' del mio "piccolo" problema (devono asportarmi un meningioma benigno alla testa) mi ha fatto leggere di questo tuo blog. Le tue parole sono davvero linfa vitale, e penso che tutto l'amore che ti circonda sarà il motovo della tua vittoria!! Un abbraccio fortissimo fortissimo!!! <3 Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lalla, grazie per le tue parole e per aver condiviso la tua esperienza. Ti mando un po' di forza e un po' d'amore... Vedrai, andrà tutto bene. Un affettuoso e caloroso abbraccio. <3

      Elimina
  35. Carissima Ele,
    le tue parola mi inorgogliscono perchè mi ricordano che posso pregiarmi di conoscerti; le tue parole mi arricchiscono perche mi permettono di comprendere e distinguere ciò che è veramente importante da ciò che invece è solo un orpello.
    La tua umiltà, il tuo coraggio, la tua generosità nel voler condividere un'esperienza così dolorosa ti rendono davvero un'Eroina, perchè i veri Eroi sono coloro che come te non fuggono dai problemi, ma li affrontano a viso aperto armati della Forza del proprio Carattere, della Lucidità della propria Intelligenza, della Fermezza della propria Fede, dell'Amore dei propri Cari.
    Un antico proverbio arabo recita:"Non arrenderti mai:potresti farlo un minuto prima che i tuoi Sogni si avverino".
    Ebbene Ele....non arrenderti mai perchè i tuoi Sogni, i nostri Sogni si avvereranno presto!
    Ti abbraccio forte forte
    Giuseppe Muscarà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuseppe, le tue parole mi arrivano dritte al cuore. :*

      Elimina
  36. ciao Ele... appena arrivato... ti auguro tutto il meglio che la vita potrà donarti....tu meriti e tanto...non mollare mai, perché ti prendiamo a calcio e mi sai che siamo in tantini..un abbraccio fortissimo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Toni, il tuo commento mi ha fatto sorridere... :)

      Elimina
  37. Ti ho vista bambina,ti ho visto crescere,vedo che sei diventata una GRANDE DONNA,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito chi sei, ma grazie per le tue parole :)

      Elimina
  38. Ciao, non ti conosco, ma voglio essere un tuo amico e raccontarti una mia storia Mia moglie partorì al settimo mese, un bambinello di soli 700 grammi.
    Bellissimo e ovviamente tutti contentissimi.
    Nel corso della giornata improvvisamente le sue condizioni peggiorarono molto.
    L'indomani ci chiesero di firmare dei documenti, perché l'ultima speranza era legata ad una trasfusione totale del sangue... dandoci poche speranze di successo.
    Uscimmo in lacrime e nonostante il momento terribile, dovetti andare a lavoro, lasciando mia moglie in ospedale.
    Andavo da un cliente, ma sbagliai strada ed improvvisamente mi ritrovai vicino ad una chiesa che fin dalla bambino sono stato devoto "Madonna dell'Arco".
    Chiesi al mio collega che era in auto con me, di fermarsi un secondo e di corsa entrai in quella chiesa a prendere una medaglietta della Madonna.
    Per pranzo ritornai da mia moglie in ospedale ed insieme chiedemmo all'infermiera di mettere quella medaglietta vicino la culla incubata del nostro bambino.
    Per incoraggiare mia moglie gli dissi: ... ecco ho portato io la medicina!
    La sera ci portammo abbattuti nel reparto dove doveva avvenire la trasfusione MA ... il rimario ci chiamò d'urgenza e ci disse: Signori il bambino ha avuto una forte reazione positiva ... rimandiamo la trasfusione a domani.
    Quel domani non è mai più arrivato... il bambino continuò a reagire ed ora ha 13 bellissimi anni!
    Vedrai, sarà la stessa cosa anche per te e ... quando meno te lo aspetti, tutto si sistemerà!
    Se vuoi proverò ad inviare anche a te la stessa medicina se non decidi di persona a venirla a prendere ... Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro amico, grazie per aver condiviso questa splendida storia... I miei occhi sono lucidi ed ho sentito un brivido... Sono commossa. È una storia splendida e lancia un segnale positivo molto forte... Di alcune "medicine" credo si abbia sempre bisogno, sono medicine speciali, senza contro indicazioni... Un bacio speciale per tuo figlio. Grazie :)

      Elimina
    2. ciao Eleonora e buona domenica.
      Oggi come promesso, sono andato a prendere le medicine nella Santa farmacia.
      Ora devo impegnarmi a fartele recapitare.
      La posologia è ... portarla sempre sempre sempre.
      A presto!

      Elimina
    3. Grazie mille.... Non vedo l'ora di assumere la nuova medicina... Un caloroso ed affettuoso abbraccio

      Elimina
    4. Ciao Eleonora, per i soliti impegni di lavoro, non ho potuto seguire la tua intervista in diretta ma ... dal sito sono andato a rivedere la puntata.
      Ora ricordo anche il tuo viso e di averti vista di sfuggita...
      Ho visto anche quel cuore d'oro del tuo papà ... con il braccio di legno!
      Dell'intervista mi ha colpito quel sorriso forte e naturale generato da una forza interna superiore mai vista prima.
      Spero che anche la mia medicina, contribuisca in piccola parte a far splendere quel sorriso!
      Ti abbraccio!

      Elimina
    5. Grazie ancora per tutto, per le parole e per la medicina.... Già da ieri ho iniziato ad assumerla :D
      Un caloroso ed affettuoso abbraccio :)

      Elimina
    6. Quando, per impegni di lavoro non sono costretto a partire, andando in ufficio passo davanti al Santuario di Pompei.
      E' mia abitudine entrarci, salutare la Madonna e dire qualche preghiera per i mie cari ...ed una anche per te!
      Fammi sapere che stai bene ... mi raccomando!

      Elimina
    7. Ciao Ele, ho visto in differita la puntata le Iene ...
      Sei riuscita a sbalordire anche loro ahahah!
      Spero che la medicina stia contribuendo a farti stare meglio ... dammi sempre buone notizie!
      Al momento da parte mia e della mia famiglia, ti auguro una felice Pasqua e affettuosamente ti abbracciamo.
      A presto ... ciao! Enzo

      Elimina
  39. Ciao Eleonora.Ci sono momenti in cui leggere quello che scrivi ti fa percepire diversamente la vita e desiderare di amarla come la ami Tu.
    Un abbraccio forte forte e continua!!! Giorgio

    RispondiElimina
  40. ciao Eleonora. desideravo ringraziarti per la forza che mi hai dato leggendoti, non credo sia un caso che ho trovato il tuo blog oggi grazie ancora ti abbraccio forte un bacione e in bocca al lupo. rita

    RispondiElimina
  41. ti ho vista prima in tv, sei grande eleonora, ho aperto subito il pc e ti ho cercata, ho incominciato a leggere il tuo blog, le cose che scrivi e come le scrivi... ho percorso anch'io il tuo cammino, si c'è la sofferenza ma c'è anche una sorta di cambiamento, la vita viene stravolta, certi amici ti abbandonano ma ne arrivano anche di nuovi. L'amore che ci circonda è tanto. Il cammino sarà lungo ma la determinazione, la grinta, la voglia di vincere è la chiave di tutto. Ti seguirò sempre. un abbraccio Angy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Angy, dici bene, la sofferenza è tanta ed il cammino è lungo, ma l'amore che doniamo e riceviamo ci farà superare tutto. ti abbraccio calorosamente :*

      Elimina
  42. Ciao Eli, siamo Zia Antonella e Francy. Hai un blog fantastico. Buona Serata ;) ;) ;)

    RispondiElimina
  43. conivido iltuo modo di essere e di reagire , coraggio lilli

    RispondiElimina
  44. Cara Eleonora ti ho seguito oggi in tv con grande emozione e commozione.Sono la mamma di una ragazza di ventitrè anni, il prossimo 25 maggio, che nell'aprile del 2011ha subito un intervento in cui le è stato asportato un tumore, fortunatamente benigno, al cervello.La riabilitazione è stata lunga e impegnativa non solo per lei ma anche per noi, la sua famiglia.Quando parlavi di rinacita e dell'amore che senti per la vita, ho avvertito dei brividi e li ho riconosciuti come gli stessi che sento quando mia figlia, Benedetta,parla delle sua nuova vita, della sua seconda opportunità. A distanza di tre anni dall'intervento, Benedetta è tornata a fare le cose che faceva prima: esce con la macchina, studia all'università, dà una mano in casa, frequenta la palestra.E più di prima dell'intervento ride, è sempre allegra, ha tanta, tanta voglia di vivere e di vivere bene... nonostante il vuoto che si è aperto intorno a lei. Hai proprio ragione quando dici che la gente ha paura perfino di pronunciare la parola tumore, immaginiamo poi dfi stare accanto a chi il tumore lo conosce bene.In questi tre anni la nostra famiglia ha sperimentato la solitidine, che prima non conoscevamo.Benedetta ha perso il suo ragazzo, i compagni del liceoe, anche diversi parenti.Ma, nonstante tutto e tutti, ce l'abbiamo fatta e la nostra famiglia è più forte e più compatta di prima. Ringraziamo Dio ogni giorno dei grandi doni che ci ha elargito, primo fra tutti la vita, così com'è.Un abbraccio materno Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Daniela, grazie per aver condiviso la vostra esperienza... le tue parole mi commuovono e mi danno la carica per continuare ad utilizzare tutti i mezzi a mia disposizione per mandare determinati messaggi... mi fanno capire che sono sulla giusta strada e che i messaggi e le mie emozioni arrivano dritte al cuore. Che dire di Benedetta... già il nome dice tutto... dalle un forte abbraccio da parte mia e ricordale che se le persone si allontanano e scappano di certo la colpa non è la sua o del tumore (certe volte mi domando se gli altri pensano che sia infettivo per come scappano), e che lei ci guadagna... meglio essere circondate da poche persone che ti danno affetto e sostegno sincero che non da tante che magari ti danno un finto affetto!!! Continuiamo a sorridere e ad amare la vita... <3

      Elimina
  45. Ciao Eleonora. Ho conosciuto il tuo blog solo dopo averti vista in TV. Anche io alcune settimane fa, per puro caso ho scoperto di avere un tumore. Per me e la mia famiglia è stato un brutto colpo, ma ci siamo affidati a Dio e ogni giorno continuiamo a tenere duro. La prossima settimana dovrebbero operarmi. Non so cosa mi aspetterà dopo, ma anche se dovessi fare chemio, voglio continuare a vivere come ho sempre fatto. Lo devo alla mia famiglia. ...ai miei figli....ma soprattutto a me stessa.È proprio vero. ...quando succede ad altri ci si rimane male, o magari come hai detto tu ci si allontana, ma semplicemente perché non si vuole essere troppo invadenti. Da quando so del mio tumore vedo la vita in un modo diverso...capisco meglio alcune cose. Non so come spiegarmi, ma tu mi capirai bene. Ammiro il tuo modo di fare, il tuo combattere tutti i giorni e ammiro te come persona.Una volta un caro amico mi ha detto: "non pregare Dio perché ti guarisca, pregalo affinché lui possa darti la forza di convivere con la tua malattia!" Ed è questo che faccio tutti i giorni. Ti auguro di mantenere sempre il tuo spirito positivo e non preoccuparti che prima o poi questa prova da superare finirà. Ti mando un grosso abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capire perfettamente cosa provi, quali siano le tue paure, e ti sono vicina. Sai hai detto una cosa importantissima e a cui io credo molto... io ho sempre accettato che "sia fatta la sua volontà" , così come diciamo recitando il "Padre Nostro" e prego sempre affichè possa darmi la forza per andare avanti e per combattere... un caloroso abbraccio

      Elimina
  46. Ciao Eleonora,
    grazie per le tue lezioni di vita...
    ...semplici e piene di forza.
    Avrei voglia di abbracciarti anche se non ti conosco!
    Tieni duro...
    Loredana

    RispondiElimina
  47. Hai un sorriso splendido ed uno sguardo magnetico.Vorrei avere un briciolo del tuo coraggio e della tua forza. Grazie per condividere la tua esperienza.un grosso in bocca al lupo Eleonora e un abbraccio fortissimo.Maria

    RispondiElimina
  48. Ciao Eleonora,
    mi chiamo Maria e vivo a duemila chilometri da te, in Svizzera, ma ti ho visto in TV e sei forte! Grazie per la serenità e la forza che trasmetti anche attraverso il tuo blog. Anch'io come te sono stata ammalata di tumore e so che bisogna combattere anzitutto i pregiudizi delle persone che quando ti incontrano ti guardano con quello sguardo commiserevole....
    Ma tu hai una forza interiore che ti farà senz'altro superare tutte le prove.
    Un abbraccio, ciao
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, grazie per le tue parole... Sicuramente non riuscirò ad eliminare il pregiudizio delle persone verso chi ha un tumore o malattie simili, ma sto cercano in tutti i modi di rompere questo tabú, questo segreto, la non condivisione della tumore... Spero di riuscire un minimo in questo... Ti abbraccio calorosamente... Salutami la Svizzera :)

      Elimina
  49. Ciao Eleonora, non riesco a non smettere di leggere il tuo blog pieno di lezioni di vita, amore e speranza! Ti abbraccio forte forte. Valeria di Palermo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vita, Amore e Speranza... che belle parole... Grazie Valeria :*

      Elimina
    2. Grazie a te! baci baci :* Valeria

      Elimina
  50. Non smetto di leggere quello che scrivi, sei dolcissima, fragile e coraggiosa come un leone, mi sono venuti i brividi a vedere la tua storia, mia sorella sta attraversando un percorso di chemio da quando a settembre ci hanno detto, il mondo ci è crollato addosso ma ora lei combatte ed è un'ottima guerriera e sta superando le avversità , vorrei che avesse la grinta che leggo nei tuoi occhi, spero che prima o poi la cacci fuori...ti abbraccio virtualmente e ti seguirò ogni giorno come seguo mia sorella....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Vincenzo, per quello che ho capito anche tua sorella sta lottando, sicuramente a suo modo e con la sua grinta... ognuno di noi ha a disposizione energie e grinta differenti, ma non per questo meno efficaci. un bacione a te ed uno speciale per lei.. Buona Pasqua :*

      Elimina
  51. Ciao Eleonora, vivo all`estero, ho visto un tuo servizio, sei una ragazza meravigliosa, vivi la tua malattia con " serenita`" se mi posso pemettere, e` mi permetto perche` anche io sono stato colpito dal "male"dandomi la sentenza dei soliti seimesi, ma grazie alla terapia,ai medici,e sopratutto al mio morale positivo dopo 22anni sono qui a scriverti, Eleonora tieni duro e` non mollare mai, io mi chiamo Salvatore, quando mi hanno registrato all`ospedale hanno scritto il mio nome nelle carte Salvato,segno del destino, AUGURONI HAPPY EASTER, tienimi imformato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Salvato, grazie per la tua testimonianza positiva... certo che non è un caso, ne il nome Salvatore e neanche il fatto che ti hanno scritto Salvato, ne sono certa. Una affettuoso augurio di buona vita e di una serena Pasqua. :*

      Elimina
  52. Ciao! Mi chiamo come te! e condivido con te anche la tua filosofia di approccio a questa "avventura"! ,Mi dispiace solo constatare che a volte il mio essere sempre sorridente fa pensare che la mia malattia non sia poi così pesante. Io sorrido anche di queste cose, anche se il sorriso spesso è amaro. Sto imparando tante cose e la più importante è che non siamo mai da soli! C'è sempre la forte, solare, sorridente Eleonora con me che sa sempre le parole corrette da usare, che ha cambiato alimentantazione in pochissimo tempo, che le fa alzare il volume della radio e cantare a squarciagola e ballare Happy, che si è iscritta al corso yoga anche se non ha mai fatto uno sport nella sua precedente vita...tutto questo in pochissimi mesi. leggere il tuo blog mi ha fatto molto piacere...mi ha fatto sentire "normale" e soprattutto ho trovato un'altra Eleonora a farmi compagnia! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Eleonora, noto che in molte cose siamo simili... Soprattutto nella voglia di vivere e sorridere... È vero, molte persone pensano che la chemio o la mia malattia sia una passeggiata per me perché mi vedono sorridere, cercare di non limitare la mia vita, tutto sommato esteriormente non sembra che io stia male, ed invece lo possiamo sapere solo noi cosa proviamo, come soffriamo e quanto,sforzo mettiamo per cercare di condurre una buona vita.... Ti abbraccio forte forte :*

      Elimina
    2. Grazie di cuore per le tue parole!
      Mi sono sentita pienamente compresa e mi hai fatto pure uscire qualche lacrimuccia...ma non è di tristezza.....GUAI!!! si può ancora piangere per commozione ed emozione!!! ;-)
      al momento sto nei giorni post chemio....e ciò che mi viene in mente è sempre una pentola a pressione! mi sento come dentro una pentola a pressione! ;-)
      ti abbraccio forte forte forte e ti mando un raggio di sole che illumini i nostri sorrisi!
      Eleonora

      Elimina